Hosteria Ristorante

In antichità l’edifico che ospita il Ristorante Hosteria nasce come capanno di caccia dei monaci benedettini, poi trasformato in locanda nella prima metà dell’800 essendo l’unica via d’entrata alla città dedicata alla pesatura dei carri. Forte dell’acqua “Sant’Eufemia della Fonte” e famoso punto di rifocillamento per i mercanti, la locanda disponeva di un volto ad ombrello a 14 facce unico e caratteristico nel suo genere, ancora oggi perfettamente conservato e magnifico.

Emanuele Bettini, dopo lunga esperienza internazionale, coadiuvato dalla consorte Stefania, rileva il ristorante nel 1994 e ne trasforma la cucina e le scelte gastronomiche, puntando su prodotti di estrema qualità e con una cottura rigorosamente espressa, nel rispetto dei sapori e delle pietanze, curando i cibi dall’acquisto fin sulla tavola.

Il menu è ben curato, e i cibi effettuano una rotazione mensile nel rispetto delle materie prime di stagione. La cucina si attesta prevalentemente su pietanze di verdure e carne, con qualche eccezione per il pesce ma solo su richiesta. La carta dei vini conta oltre 800 etichette nazionali e straniere. I dolci sono al cucchiaio e fatti rigorosamente in casa.